Informazioni

Corso Modulo A per ASPP e RSPP

Formazione di base di alta qualità. Corsi 2020 .

15 APR 2012

La sentenza Thyssen: la lezione per le Aziende.

NEWS | A cura della Redazione | Foto Mrs Logic

Il 15 aprile 2012 si è chiuso il primo atto del processo legato alla vicenda Thyssen che, come noto, aveva comportato la morte di 7 operai. Pare possibile individuare nella sentenza di primo grado alcuni elementi importanti sui quali riflettere:

  • Da questa data in poi, probabilmente, sarà più difficile ritenere che in Italia non esista la certezza della pena e che in qualche modo si riesca a scamparla quando si ha a che fare con la sicurezza e la salute delle persone (lavoratori in questo caso).
  • Per la prima volta viene riconosciuta la volontarietà del reato in ambito di sicurezza sul lavoro sostenendo che la morte dei lavoratori della Thyssen è stata direttamente legata a decisioni consapevoli di accettazione del rischio a fronte di non investimenti sulla sicurezza (antincendio nel caso specifico).
  • Il risultato di questa "politica aziendale" sembra la prova evidente di come la consuetudine culturale nel considerare la sicurezza un costo e non un investimento possa portare a prendere decisioni deleterie sia per la produttività che, nei casi estremi, per la salute dei lavoratori.


Tale colpa di (mancanza di) "organizzazione" e anche di (cieca) "politica della sicurezza" è stata rimarcata e punita laddove la sentenza del processo ThyssenKrupp ha individuato la responsabilità amministrativa della società per reati commessi dai suoi dirigenti, come previsto dal D.Lgs. n. 231/2001, e condannando l'azienda a:

  • un milione di euro di sanzione;
  • 800.000 euro a titolo di confisca del prezzo del profitto (il costo risparmiato degli impianti di sicurezza non realizzati);
  • il divieto di pubblicizzare i propri prodotti per 6 mesi; l'esclusione per 6 mesi da sussidi e finanziamenti pubblici;
  • la revoca dei finanziamenti pubblici già concessi;
  • la pubblicazione della sentenza su quotidiani nazionali.

Sicurezza come investimento e responsabilità della Azienda in quanto tale, impongono al datore di lavoro e ai suoi manager l'implementazione e l'applicazione di procedure, strategie e politiche che concretamente privilegino il fattore umano anche a scapito dell'interesse economico momentaneo: nel caso della sicurezza dei lavoratori è più conveniente applicare la normativa che aggirarla o sottovalutarla.

Per scaricare il testo della sentenza di primo grado clicca qui.
Seminario aggiornamento: Responsabilità amministrativa D.Lgs 231/01 e gestione della sicurezza

Close

Log In

Enter Remind password

Type your e-mail address and we'll send you new password

Submit